L’allattamento al seno è un diritto: una madre viene espulsa da una piscina pubblica per allattare il suo bambino

L’allattamento al seno è un diritto: una madre viene espulsa da una piscina pubblica per allattare il suo bambino

Sembra incredibile che oggi una madre debba vivere una scena così umiliante, ma purtroppo continua ad accadere in alcuni luoghi pubblici. il doppi standard Ciò che è nella società sul seno femminile è evidente in situazioni deplorevoli, come quello che è successo domenica scorsa in un pool pubblico del "Nessler Park Family Aquatic Center", in Texas (Stati Uniti).

Misty Daugereaux È una madre che si è goduta una giornata in piscina con i suoi due figli e un nipote, quando il suo bambino di 10 mese era irrequieto e ha deciso di allattare. Vedendola, il bagnino e l'addetto alla piscina gli si avvicinarono per chiedergli di coprirsi per allattare il bambino, altrimenti dovresti lasciare la piscina.

Rifiutando, come riferisce la madre in un post che ha condiviso su Facebook, la polizia si presentò e gli chiese di andarsene. Ha quindi chiesto di vedere il regolamento che stabilisce che l'allattamento al seno è proibito, anche se non gli è stato insegnato.

"Ho nutrito il mio primo figlio fino a 3 anni e per me è importante poter allattare anche il mio secondo bambino", ha detto la madre.

La telecamera del corpo di uno dei poliziotti che è apparso nella piscina ha registrato la scena e il video è stato pubblicato sulla pagina Facebook della polizia del Texas (distorta per proteggere la privacy delle persone registrate):

Puoi vedere come l'addetto alla piscina dice alla polizia che la madre aveva entrambi i seni all'esterno, cosa che la madre nega.

"Mi ha spezzato il cuore a guardare quel video, Non è vero che mi sono spogliato per dare da mangiare al mio bambino e mi sembra di pessimo gusto che l'ufficiale abbia detto che avrebbe dovuto coprirmi con un lenzuolo ”, continuo.

Le hanno chiesto di raccogliere le sue cose e di scortarla all'uscita con "lacrime che mi cadevano sul viso", dice la madre Today.com. "Ero solo, non volevo provocare una scena e spaventare i miei figli."

Misty non ha intenzione di lasciare risolta la questione. Si sentiva attaccata, discriminata, umiliata e ritiene di non avere il sostegno necessario in uno stato in cui l'allattamento al seno in pubblico è protetto dalla legge.

Ha dichiarato che procederà legalmente dopo aver visto il video della telecamera del corpo di polizia. Da parte sua, la città ha rilasciato una dichiarazione in cui si è scusato con la donna e ha aggiunto che esaminerà "le politiche e le procedure della città".

Il supporto di altre madri

Il giorno successivo, un gruppo di madri si presentò con i loro bambini nel parco acquatico per mostrare il loro sostegno alla madre espulsa.

Anche i social network sono stati inondati messaggi di sostegno da altre madri in tutto il mondo che simpatizza con Misty. Devi creare storie visibili come questa in modo che non accada di nuovo. Le Nazioni Unite riconosce l'allattamento al seno come un diritto umano Per mamma e bambino. La madre è l'unica che ha il diritto di decidere dove e quando nutrire il figlio.

Via | Genitori